Ambienti e Sale

Ambienti

Le prime due salette, a cui si accede direttamente dall’ingresso principale, sono state decorate con motivi rinascimentali dalla sapiente mano di Flavia, e sono arredate con i mobili e i lampadari di famiglia. Sulle tovaglie color avorio abbiamo messo copritavola e tramezzi con bordi di pizzi diversi.


La terza sala è ricavata nella vecchia cucina del palazzo, nella quale tutto è rimasto come è sempre stato, dal grande camino che accendiamo la sera in autunno, inverno e fino a primavera inoltrata, al grande tavolo di marmo grigio, al vecchio lavello... Qui apparecchiamo con tovagliette i cui motivi si ispirano al classico canovaccio toscano, per non coprire completamente il bellissimo piano del tavolino.


Dalla cucina si accede ad un portico, “sotto gli archi”, da cui il nome del Ristorante.

Gli “archi” - i violini - appaiono anche sul nostro logo, ricavato da un fregio settecentesco di una casa di Praga : ci piaceva l’idea, perchè da qualche anno ospitiamo concerti di giovani musicisti nel salone al piano nobile del palazzo, le cui dimensioni sono perfette per formazioni di musica da camera come i quartetti d’archi.

Durante l’estate apparecchiamo anche i tavolini sotto le arcate e nel cortile per una piacevole cenetta all’aperto a lume di candela.

Curiosità

Il Ristorante degli Archi è l’ultimo nato della famiglia.... a lungo desiderato da Vittorio, e, dopo un parto un po’ difficile, ben accolto da tutti . Dopo 18 anni dall’apertura dell’agriturismo “Il Rigo” e dopo 2 anni dall’apertura dell’Enoteca “Il Pozzo”, abbiamo ristrutturato le stanze sulla destra del cortile per ospitarvi la nuova cucina professionale e tre piccole sale da pranzo.